Differenze tra i principali acciai da bonifica

acciaio-inox-approfondimento

Differenze tra i principali
acciai da bonifica

Gli acciai 42cd4, 42crmo5/ 1.2311/1.2312 e C45 fanno parte della famiglia degli acciai detti “bonificati” o “da bonifica”.

Questa definizione, “da bonifica”, deriva dal trattamento termico cui vengono sottoposti in fase di lavorazione: acciai come il 42crmo5 o il C45 vengono infatti prima temprati (con una tempratura martensitica) e in seguito rinvenuti (rinvenimento d’addolcimento) a una temperatura che può variare in un range tra 504° e 680°.

Il processo di bonifica e la concentrazione medio alta di carbonio conferisce a questi acciai particolari qualità, che si rivelano essenziali in alcuni settori industriali i cui prodotti sono sottoposti a notevoli carichi statici e dinamici, ma che necessitano anche di una buona tenacità.

Queste leghe, a differenza dell’acciaio che viene solo temprato, si contraddistinguono proprio per la buona combinazione di resistenza e prestazioni che riescono ad offrire in termini di tenacità (ovvero la capacità di deformarsi plasticamente se sottoposte ad assorbimento di energia), acquisite in fase di rinvenimento.

Gli acciai 42cd4, 1.2311 e 1.2312, grazie all’ottima fucinabilità e lavorabilità, sono quindi quelli più utilizzati per lo stampaggio a caldo e a freddo e costituiscono la materia prima ideale sulla quale lavorare per la realizzazione di macchinari, macchine utensili e stampi da impiegare in settori produttivi che richiedono la lavorazione ad altissime temperature, come l’industria ceramica.

Il C45, invece, è un acciaio speciale, appartenente a questa stessa famiglia, ma che ha come principale qualità la resistenza. Proprio per questa sua caratteristica viene impiegato specificatamente nell’industria meccanica per la realizzazione di componenti quali alberi motore, aste, leve e semiassi.

La differenza principale tra acciai come il 42cd4 e il 42crmo5 consiste nel coefficiente di durezza, determinata dalla concentrazione di carbonio differente.

La lavorazione degli acciai 42cd4/42crmo5/2.2311/1.2312 e C45 cambia, infatti, sostanzialmente per la curva di rinvenimento, ovvero inizio, fine e avanzamento della trasformazione della microstruttura dell’acciaio sottoposto al trattamento. La curva definisce la lavorazione cui è sottoponibile un acciaio e, di conseguenza da un punto vista pratico, i suoi utilizzi possibili in ambito industriale.